Se stai con un narciso, non aspettarti che ... (II parte)



La maggior parte delle persone è convinta che i narcisisti siano in realtà oggettivamente belli. Questa è una credenza assolutamente falsa, perché tanti narcisisti sono anche parecchio sgradevoli o non particolarmente belli, eppure riescono a catturare prede e le sanno selezionare molto bene. Il narcisismo è una condizione della mente molto complessa e in questo senso i/le partner in realtà non vanno a costituire un “noi” di coppia, ma sono meglio identificabili come estensione narcisistica, in quanto soddisfano i bisogni del narcisista. In questo senso l’articolo vuole descrivere che in relazioni con questa tipologia di persone non è contemplata una reciprocità e non possono esserci gli aspetti base per una relazione che possa funzionare. Prima di tutto, il narcisista, vedendosi solo da fuori e parzialmente, ha bisogno di “specchi viventi“, per non cadere nei soliti sentimenti di noia e depressione, ovvero di qualcuno che gli rimandi un’immagine positiva di sé. Ma non tutti hanno un funzionamento così lineare, ma in generale,  oggettivare delle persone rispecchia il bisogno dei narcisisti di possedere degli oggetti. Perciò, prima o poi, c’è bisogno di nuovo materiale o nuove persone (o di entrambi), in particolare nei momenti di insicurezza, specialmente se l’estensione smette di fare il suo ruolo. Il narcisista individua l’estensione che era prima “adorata” (e adesso svalutata) e la rimpiazza con qualcuno che ritiene più importante. Nel precedente articolo si parla di impossibilità di costruire un legame, anche se in realtà la possibilità c’è, ma è quella di lui e la sua estensione (non il/la sua partner).
Continuando la lista del precedente articolo, non aspettarti che:
5. Quando rientra a casa abbia sorrisi per te. Se la personalità del tuo narcisista è abbastanza compromessa, potresti trovarti a dover fronteggiare la situazione tipica di Dottor Jekyll e Mister Hide. Infatti, ti sembrerà strano notarecome a volte lo vedi brillante con colleghi, amici, conoscenti e con te sembra quasi esserci un muro. Il muro è sempre dovuto al fatto che la vostra relazione non è altro che caratterizzata da lui e la sua estensione che elargisce sulla base dei suoi bisogni (quando e come vuole lui). Non può, se non in certi piccoli frangenti, riconoscerti, perché il potere nella relazione ce l’ha lui, e tu hai fatto tanto per darglielo, e su questo dovresti interrogarti. Tendenzialmente riescono a mantenere un’immagine vincente al lavoro, con colleghi, sopratutto dal punto di vista dell’energia. Rientrati a casa invece i/le partner hanno modo di vederli come gli altri non li vedono, ovvero ombrosi, insoddisfatti, lagnosi, senza vitalità e cupi. Non aspettatevi pertanto sorrisi, e anzi, probabilmente preferiranno stare al pc, a guardare la tv, a giocare con il cellulare piuttosto che con voi.
6. Sia un partner fedele. La difficoltà maggiore dei narcisi è quella di ingaggiarsi in una relazione stabile, e questa è un po’ la loro croce, anche se spesso loro non percepiscono un’area di sofferenza su questo aspetto dovuta al fatto che spesso trovano partners che vanno “a costo zero“. Tendenzialmente sono sempre insoddisfatti della loro vita e pertanto cercano a volte conferme, a volte sono proprio degliemotionseekers (cercano emozioni nuove), e sopratutto detestano l’idea di precludersi possibilità nuove, e in questo senso cercano partners al di fuori di una relazione stabile (quando ce l’hanno). La via di fuga rimane sempre un fantasma nella relazione con un narciso, anche se tendenzialmente, quando questa è collaudata non tendono a chiuderla.  Pertanto ci possono essere fantasie per la/il nuovo collega arrivato/a, per un/una cliente ecc… oppure possono essere prettamente fantasie legate al mondo virtuale. Spesso non concretizza  perché vive una condizione dell’amore platonica alla ricerca del vero amore. Quando sono più perversi possono avere anche più di una vita parallela senza provare il minimo di senso di colpa per il/la partner stabile che hanno.
7. Sia premuroso nei tuoi confronti. Spesso i/le partner dei narcisi soffrono molto di deprivazione emotiva ed affettiva e in tutto questo non riescono a dare un senso e comprendere che il loro partner non è certamente il tipo che arriverà con le rose a casa. Sono poco presenti, perché nella loro mente non è contemplata la presenza dell’altro se non in pochissime occasioni, ma tendenzialmente hanno spazio solo per i loro bisogni. Queste considerazioni non includono le fasi in cui sono attratti e sentono di essere innamorati, dove possono avere molti slanci emotivi, destinati però a non durare per molto tempo sopratutto quando la relazione inizia a virare verso la possibilità di attaccamento amoroso. Questo succede sopratutto con i narcisi che hanno un attaccamento di tipo evitante, che vedono nell’altro/a figure ingombranti e castranti con le quali non vogliono riflettere su cosa sarebbe necessario fare per stare meglio assieme. Le emozioni che spesso prova sono quelle della paura, anche se spesso non ne è consapevole.  Una delle modalità che il narciso utilizza per mantenere la distanza nella relazione è il silenzio, che sopratutto nelle fasi iniziali di una relazione con loro crea non pochi problemi ai partners. Il silenzio è sempre una modalità che loro utilizzano legata al potere, infatti questa è una delle armi più forti all’interno della relazione e stabiliscono chi mette le regole. Un po’ come se volesse dirvi: “Se ti va bene io sono così, altrimenti pazienza“, oppure “Non credere che io faccia tutte quelle cose che tu ti aspetti, perchè io non sono così“. Questo funge da gancio emotivo per molte/i partners che rimangono poi imbrigliati in un ginepraio di manipolazioni e di poco affetto. Possono lasciare in silenzio la vittima anche diversi giorni! Loro non si preoccupano di come state e non empatizzano con il vostro dolore.
8. Ci sia nei vostri momenti difficili. Il narciso e sopratutto la relazione con loro spesso non contempla la possibilità che ci siano vostri problemi, e quando ci sono non vi aspettate che ci sia una vicinanza. Il narciso vi dirà che quello è un momento in cui dovete vedervela da sole/i. Dipende sempre dal grado di perversione, ma in generale quando non lo è, lui fa così perché è sempre stato abituato a risolvere da solo le sue questioni, sopratutto emotive. Non può stare con le vostre emozioni, perché questo lo perturba parecchio e continua a dirsi che in realtà lui è un forte. E’ molto fragile.
9. Si confidi con voi. I narcisi sono tendenzialmente molto diffidenti, spesso perché hanno subito dei traumi molto precoci con le figure di accudimento, o abbandoni. Spesso i partner dei narcisi tendono ad entrare in dialogo con loro cercando questo canale, con la speranza che questo porti a momenti di tranquillità e amore. Potrebbe anche succedere, però è bene comprendere che tutto questo avviene con molta instabilità. Se la sera si è confidato, la mattina lo potrete ritrovare con l’ombra che lo caratterizza sempre. Tutto questo vi farà soffrire, perché non sentirete giustamente mai il legame. Ma il narciso teme profondamente il legame e pertanto vi rifiuterà e allontanerà sempre, magari concedendovi qualche momento di vicinanza emotiva o sessuale. Il gioco relazionale è sempre quello del “legami non legandomi“. E’ praticamente impossibile se non a fronte di una grande sofferenza interiore e sbilanciamento sui suoi bisogni e non su i bisogni di entrambi. Ma il narcisista, avendo messo vincoli molto forti sulla relazione, non vuole certamente scendere a patti con voi e con i vostri bisogni. A volte perché è molto perverso e non gli importa realmente niente, altre volte perché deve tenere molta distanza da voi per non cadere nella sensazione di costrizione e di limitazione di libertà.
10. Si impegni per renderti felice. Il narciso, spesso non gradevole come quello dell’immagine qui sotto, è completamente preso dalle sue questioni personali e non sembra trovare spazio per altro. Molto spesso capita che i/le partner, non avendo ancora capito con chi hanno a che fare o ammalati di illusione, inizino a far notare al narciso quanto poco faccia per loro. I movimenti relazionali sono molto interessanti perché possono oscillare da un totale disinteresse del narciso per la sua estensione (specie se ne ha un’altra) a quella di fargli/le notare che lui è esattamente così: “Prendere o lasciare“. Ci sono poche possibilità di mediare e in quel senso si cade nel vortice di mendicare briciole d’amore, perchè lui non sa dare. Il narciso può elargire qualche briciola, ma presto ritornerà tutto come prima e quando gli verrà fatto notare potrebbe addirittura darvi le colpe. Per esempio, se lui non vi fa una sorpresa o non vi manda neanche un messaggio potrebbe attribuirlo al vostro comportamento piuttosto che al suo. Ricordate che il narciso fugge dalla sua ombra. E’ molto più semplice di quello che possa sembrare: se lui ha voglia farà una cosa, se non ha voglia, sebbene possa rendere felice il/la partner, non la farà. E’ insensibile a qualsiasi tipo di compromesso e richieste minime e le vivrà come vostre pretese. Non ha voglia di doversi coordinare con nessuno per formare nessuna coppia. A lui interessa che voi facciate bene il vostro dovere… qualche bacio ve lo da. Ma chiedetevi: Mi basta?


Responses

0 Respones to "Se stai con un narciso, non aspettarti che ... (II parte)"

|
 
Return to top of page Copyright © 2010-2013 | E' espressamente vietato riprodurre e diffondere, integralmente o parzialmente, i contenuti di Sessuologia Cagliari Blog senza autorizzazione scritta dell’autore e senza citarne la fonte. Per richiedere l'autorizzazione consultare la sezione Informazioni e Contatti. Create by HackTutors